Valutazione attuale:  / 6
ScarsoOttimo 

La Spongara di Crema

La storia:

La storia della Spongarda risale ad alcune centinaia di anni fa.
Lo storico Pietro Terni descrive con grande dovizia di particolari la cena offerta a Crema nel 1526
da Malatesta Baglioni e accenna anche ai dolci tra i quali la Spongarda

Spongarda1

E’ un dolce sostanzialmente costituito da pasta frolla farcita di frutta secca, miele e altri aromi,
cotto al forno e presentato spolverizzato di zucchero a velo.


Spongarda2

La Spongarda di Crema è un dolce ripieno  il cui nome deriva dal termine sponga che significa spugna.
In effetti, questo dolce ha avuto origine come focaccia morbida e spugnosa, cui solo durante il ’700 furono
aggiunti miele e mandorle tritate connotandola come dolce, piuttosto che come focaccia salata.

Spongarda3

La Spongarda tipica di Crema, è certamente il dolce più ricco e raffinato fra quelli tradizionali della provincia.
Molto sostanzioso, ha la forma rotonda e rigonfia. Il ripieno speziato è composto in prevalenza da frutta secca e
da mele, uva lassa, cedro e frutta candita, cannella e spezie miste si presenta compatto.
Spongarda4

La forma di presentazione è tradizionalmente a cupola rotonda schiacciata,
del diametro di 25-30 centimetri, dell’altezza di 3-5 centimetri e del peso medio di 500 grammi.

Spongarda5

Al taglio presenta evidente l’involucro bianco della pasta sfoglia e la farcia di un colore
nocciola interrotto dalla grana dei vari ingredienti, frutta secca in particolare.

Spongarda6

Area di produzione: Crema
Come ricorda il nome stesso, la Spongarda di Crema è tipica della città di Crema.
Vittima per secoli delle contese comunali tra Milano e Cremona, Crema è oggi dopo il capoluogo
principale la città più popolosa e un florido centro industriale e agricolo.